vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Le raccolte della fototeca

Il nucleo di fotografie a carattere enciclopedico, costituito a partire dal 1906, consiste in 26.940 positivi (stampe all'albume, stampe alla gelatina bromuro d'argento, stampe fotomeccaniche a retino o collotype).

Si tratta di un repertorio iconografico di soggetto storico artistico suddiviso  per autore,  con l'eccezione di una parte dei materiali ordinati per luogo o scuola pittorica.

La genesi di questa raccolta è strettamente legata alle attività di didattica e ricerca svolte nell'allora Istituto di Storia dell'Arte dell'Università di Bologna.

Igino Benvenuto Supino costituì l’Archivio Fototeca a partire dal 1906, quando venne nominato Professore di Storia dell'arte presso l'Università di Bologna, incrementandolo con l’acquisto di nuclei di fotografie e con importanti donazioni, come quella del 1919 da parte del Ministero della Pubblica Istruzione di un nucleo di fototipi appartenuti a Nerino Ferri, fondatore e direttore del Gabinetto di Disegni e Stampe degli Uffizi.

La consistenza dell’Archivio Fototeca crebbe nel 1954, con la donazione degli eredi Supino.  La crescita delle collezioni fotografiche è continuata dopo l’inaugurazione della nuova sede dell’Istituto di Storia dell’Arte con nuove acquisizioni e campagne volute dall'istituzione, incentivata dall'utilizzo costante da parte di studiosi e studenti di Storia dell'Arte.

Le fotografie sono articolate in raccolte che portano il nome dei loro costitutori - Archivio Fototeca Supino, Archivio Croci, Fototeca Volpe - e nella "Miscellanea Istituto di Storia dell'Arte". Quest'ultima raccoglie materiali fotografici e cartacei provenienti da docenti quali Roberto Longhi, Stefano Bottari, Francesco Arcangeli, Carlo Volpe, Renato Roli, Italo Zannier, Anna Maria Matteucci, che hanno creduto nel ruolo della fotografia come strumento  per lo studio delle opere e per l'insegnamento della Storia dell'Arte.

Le fotografie sonoin gran parte di soggetto storico artistico e provengono da fotografi e case editrici che hanno determinato la storia della fotografia artistica tra XIX e XX secolo, come Alinari, Brogi, Anderson, o i bolognesi Pietro Poppi e la Fotografia dell'Emilia.
A tali nomi cui si affiancano Felice Croci, Villani o lo studio Fotofast, che hanno caratterizzato la produzione di immagini artistiche a Bologna tra gli anni '20 e l'inizio degli anni '70.

Le raccolte della fototeca

Archivio-Fototeca Supino
Il repertorio iconografico del fondatore dell'Istituto di Storia dell'Arte, poi Dipartimento delle Arti Visive.
Fototeca Volpe
L'Archivio Fotografico di Carlo Volpe.
Archivio Croci
La raccolta del fotografo Felice Croci
Cataloghi consultabili online
Strumenti per la ricerca online dei fondi ordinati (Supino e Volpe)

Privacy e note legali © Copyright 2021 - ALMA MATER STUDIORUM - Università di Bologna - Via Zamboni, 33 - 40126 Bologna - Partita IVA: 01131710376